Come gestire al meglio i propri risparmi e farli fruttare

risparmi

Come gestire al meglio i propri risparmi e farli fruttare

La ricchezza privata degli italiani, secondo una ricerca, si colloca ai vertici mondiali. Sopra di noi ci sono solo Stati Uniti, Giappone e altri due paesi europei: Belgio e Olanda.

La maggior parte dei nostri risparmi, però, sono fermi sui conti correnti maturando una remunerazione minima, se non nulla.

Il quadro generale mostra che sui conti italiani c’è una grande liquidità che non viene investita a causa dell’incertezza economica e della nostra scarsa attitudine alla pianificazione degli investimenti finanziari.

Inoltre, siamo bloccati anche dalla paura di commettere un investimento sbagliato e di perdere così i nostri risparmi. Questi comportamenti sono più che comprensibili in questo periodo storico, ma ci bloccano dal cogliere diverse opportunità di guadagno.

 

Le considerazioni da fare con i propri risparmi

 

Prima di iniziare a investire i propri risparmi è necessario calcolare l’importo necessario per sostenere la vita di tutti i giorni. Come si può determinare questa cifra?

È molto semplice. Bisogna controllare i movimenti che sono stati effettuati negli ultimi mesi tenendo conto sia delle spese ordinarie che di quelle a breve termine. Inoltre bisogna considerare anche le spese programmate come vacanze, studi e l’acquisto di un’automobile.

Una volta definita questa cifra bisogna aggiungere una quota per far fronte ai vari imprevisti come malattie o rischi legati al patrimonio.

Molto spesso, però, le somme che vengono accantonate per questo genere di evenienze non sono sufficienti ed è necessario integrarle con una pianificazione di investimenti specifica. In questo modo si avrà una base adeguata per far fronte a ogni tipo di necessità.

Grazie all’aiuto di un esperto assicurativo potrete valutare di investire investire i vostri risparmi in prodotti assicurativi di medio/lungo termine oppure di realizzare una forma pensionistica complementare per avere una rendita aggiuntiva alla pensione obbligatoria.