Figli e salute tra controlli e prevenzione

Figli e salute tra controlli e prevenzione

Dall’infanzia all’adolescenza: tutelare la salute dei più giovani.

Crescere bambini e ragazzi sani, con uno stile di vita corretto, è tra i compiti più difficili ai quali sono chiamati i genitori. E i genitori italiani lo stanno facendo molto bene a giudicare da quanto emerso da uno studio Eurostat (l’ufficio statistico dell’Unione Europea), secondo il quale gli italiani under 16 sono tra i più sani in Europa. Sono risultati che si ottengono con un’alimentazione equilibrata, una vita attiva e un controllo regolare dello stato di salute. Adesso che la scuola è appena cominciata è il momento ideale per fare il punto della situazione su fattori e comportamenti che possono incidere sulla salute dei nostri figli.

Alimentazione e stile di vita 

Innanzitutto, attenzione alle abitudini della quotidianità che i ragazzi osservano a scuola e in famiglia, perché diventeranno i loro modelli anche da grandi. Un’alimentazione varia ed equilibrata, ricca di principi nutritivi, unita a 60 minuti al giorno di attività fisica di intensità moderata e a esercizi di rafforzamento muscolare almeno tre volte a settimana, sono alla base di una crescita sana. 

Il giusto check-up per ogni età: prima infanzia

Chi acquisisce questi modelli comportamentali durante l’infanzia e l’adolescenza tenderà a ripeterli anche in età adulta, e prevenire quindi malattie croniche come cardiopatie, asma, diabete, obesità, come confermato dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità). Lo studio SIDRIA 2 (Studi Italiani sui Disturbi Respiratori nell’Infanzia e l’Ambiente) ha identificato tra i fattori di rischio correlati all’asma (ne soffrono il 9% dei bambini italiani tra i 6 e i 14 anni) proprio un’alimentazione disordinata e un’attività fisica carente. No però a diete drastiche o ricatti alimentari («Se mangi la verdura, potrai giocare con i videogames»). Meglio preferire metodi che trasmettono educazione sanitaria e promozione della salute edotte direttamente dai comportamenti di genitori e insegnanti. Tra gli strumenti a disposizione dei genitori ci sono i programmi di screening per i propri figli, adeguati all’età, che garantiscono di verificare passo dopo passo lo sviluppo dei minori in ogni fase della loro crescita.

Nei primi anni di vita, il pediatra che segue la crescita del bambino prescrive gli esami clinici da eseguire in considerazione del suo sviluppo, inclusi i primi controlli dall’oculista e dal dentista. Già dal periodo dello svezzamento si possono manifestare intolleranze o allergie alimentari. Esempi diffusi sono le intolleranze al lattosio, al grano (celiachia), e il favismo. Ogni nuovo alimento va introdotto con attenzione nei primi anni di vita ed è sempre meglio, anche in seguito, non sottovalutare eventuali reazioni alimentari come vomito frequente, diarrea e dolori addominali o eruzioni cutanee. In questi casi con l’aiuto di un pediatra o di un allergologo pediatra si può valutare di procedere con alcuni test specifici.

Gli anni dell’adolescenza

Con l’avanzare dello sviluppo i check-up regolari sono importanti per individuare carenze alimentari legate alla crescita, per le quali è necessario intervenire subito, come i deficit di calcio e di ferro. Tra gli 11 e i 14 anni è un momento importante per la salute di tutti i ragazzi, e nella sfera della prevenzione al femminile è fondamentale la diagnosi, con il supporto del consulto ginecologico, di patologie come l’ovaio policistico o l’endometriosi. 

La prevenzione e la tutela della salute dei più giovani richiedono tempo e attenzione e comportano talvolta anche una spesa non indifferente tra dentisti e altri controlli specialistici. Per questo esistono soluzioni che affiancano le famiglie italiane nel percorso di prevenzione dei figli e nella scelta delle strutture diagnostiche più affidabili, perché si possa vivere senza preoccupazioni la più emozionante delle scelte: quella di essere genitori.



Questo sito può trattare i dati personali dell’utente attraverso l’utilizzo dei cosiddetti cookies che potrebbero consentire l’identificazione dell’utente o del terminale. Questo banner soddisfa l’obbligo di resa dell’informativa sintetica. A maggior tutela degli utenti, abbiamo implementato un meccanismo per cui, chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies o di strumenti analoghi eventualmente descritti nel documento informativo per i quali comunque non è obbligatorio uno specifico consenso. Per saperne di più̀ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies è possibile cliccare qui

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi